Federico Solmi The best of the 2019 Armory Show. For the New York fair a 25th edition without emotions

Artribune Mar 10, 2019

Uno dei booth che fanno fermare la marcia assente dello stanco visitatore è senza dubbio quello della Feldman Gallery che ospita le godibilissime opere di Federico Solmi. È infatti uno dei più affollati questo stand che espone un po’ tutto il campionario delle variazioni sul tema carosello distopico che contraddistinguono il lavoro dell’artista italiano di base a New York. Ci sono i libri dipinti, le grandi tele e, per la gioia del visitatore, i video incorniciati. Il booth è un tuffo in un universo di fantasia che offre una piacevole (per quanto inquietante) evasione dalla monotonia della fiera.

Translation

One of the booths that stop the weary visitor from the tired visitor is undoubtedly that of the Feldman Gallery which houses the extremely enjoyable works of Federico Solmi . In fact, this stand is one of the most crowded, exhibiting a bit of the entire sample of variations on the dystopian carousel theme that distinguish the work of the Italian artist based in New York. There are painted books, large canvases and, to the delight of the visitor, framed videos. The booth is a dive into a universe of fantasy that offers a pleasant (though disturbing) escape from the monotony of the fair.

Read more here.